231/01

Protection Trade rappresenta il partner ideale a cui affidare l’organizzazione ed il controllo dei sistemi relativi alla corretta gestione degli adempimenti previsti dal D. Lgs. n. 231/2001.

Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto nell’ordinamento italiano la responsabilità amministrativa a carico delle Società per determinati reati commessi, nell’interesse o vantaggio delle stesse, da persone fisiche che rivestano funzioni amministrative, direttive e di responsabilità.

Per non essere ritenute responsabili dei reati indicati dal legislatore e quindi andare incontro a sanzioni, le società possono adottare un Modello Organizzativo controllato da un Organismo di Vigilanza, autonomo ed indipendente.

Protection Trade è in grado di fornire un supporto completo e specializzato per la realizzazione ed implementazione del modello 231/2001 attraverso soluzioni costruite su misura ed integrabili con i sistemi già esistenti.

La Protection Trade Vi supporterà attraverso i seguenti servizi:

  • Analisi complessiva dell’assetto organizzativo della società (procedure formalizzate, policy etico – comportamentali, organigramma, funzioni, ecc.)
  • Mappatura dei processi aziendali a rischio
  • Analisi dei rischi potenziali
  • Implementazione di un sistema di gestione del rischio
  • Predisposizione di modelli organizzativi (codice etico, protocolli, sistema sanzionatorio e disciplinare, ecc.)
  • Revisione ed integrazione delle procure e deleghe aziendali
  • Informazione e formazione del personale
  • Partecipazione all’Organismo di Vigilanza (OdV)

Responsabilità amministrativa degli enti (D.Lgs. n. 231/01). Prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. 231/01 (sulla responsabilità amministrative delle società), se un dirigente o un suo collaboratore commetteva uno dei reati previsti dalla 231/01 a “vantaggio” o “nell’interesse” della propria azienda, ne rispondeva personalmente e penalmente solo l’autore del reato.

Oggi la normativa coinvolge anche l’azienda con sanzioni di diversa natura. Tra le principali ricordiamo:
  1. sanzione amministrativa fino a € 1.500.000;
  2. sanzione interdittiva (interdizione dall’esercizio dell’attività, sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell’illecito, ecc.);
  3. confisca del prezzo o del profitto del reato;
  4. pubblicazione della sentenza.
I reati per i quali l’azienda può essere chiamata a rispondere sono quelli espressamente indicati dal legislatore e riguardano i seguenti ambiti:
  • reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione;
  • delitti informatici e trattamento illecito di dati;
  • delitti di criminalità organizzata;
  • reati di concussione e corruzione;
  • falsità in monete, in carte di pubblico credito e in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento;
  • delitti contro l’industria ed il commercio;
  • reati societari;
  • delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico;
  • pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili;
  • delitti contro la personalità individuale;
  • abusi di mercato;
  • delitti commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell’igiene e della salute sul lavoro;
  • ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita;
  • delitti in materia di violazione del diritto d’autore;
  • induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria;
  • reati transnazionali;
  • reati ambientali;
  • impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare.
Tuttavia, la società non risponde di tale responsabilità se dimostra di aver “adottato ed efficacemente attuato” un Modello di organizzazione, gestione e controllo, tale da prevenire la commissione dei reati della stessa fattispecie di quello verificatosi. Il reato, quindi, deve essere stato commesso aggirando fraudolentemente il Modello stesso.

Naviga la versione Desktop del sito